NESSUN TAGLIO ALLE INDENNITA’ DI ACCOMPAGNAMENTO del 28/03/2014 23:10:09

COMUNICATO STAMPA ANMIC

DOPO LE PROTESTE ANMIC IL MINISTERO DEL WELFARE ASSICURA CHE NELLA LEGGE DI STABILITA’ NON VERRANO POSTI LIMITI DI REDDITO.

La conferma e’ arrivata stamattina nell’incontro fra il Presidente Anmic Giovanni Pagano e i vertici del Ministero, durante la riunione del Comitato tecnico scientifico dell’Osservatorio sulla disabilità

L’indennità di accompagnamento non sarà vincolata a limiti di reddito.
La conferma dell’Esecutivo- dopo giorni di protesta unanime dell’ANMIC insieme alle altre Associazioni della disabilità - è arrivata stamane, in occasione dell’incontro fra il Presidente Anmic Giovanni Pagano e i vertici del Ministero, durante la riunione del Comitato tecnico-scientifico dell’Osservatorio sulla disabilità.

L’ipotesi dell’ennesimo giro di vite a scapito dei disabili aveva suscitato subito proteste e la dura opposizione della ANMIC.

Nel fine settimana erano già arrivate sulle agenzie di stampa a margine di un convegno alcune dichiarazioni dal viceministro Cecilia Guerra, che rassicurava sulla volontà dell’Esecutivo di non introdurre criteri di reddito nella concessione dell’ indennità di accompagnamento.

Ma l’incertezza sul testo definitivo della legge di stabilità- tuttora non disponibile- non permetteva di considerare finito l’allarme. Stamane invece, dopo le rassicurazioni verbali ricevute dai vertici del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali in occasione della riunione dell’Osservatorio, il Presidente ANMIC GIOVANNI PAGANO ha ricevuto direttamente conferma che l’ipotesi normativa che era circolata nelle prime stesure del testo è stata evidentemente abbandonata.

Un dietrofront del Governo che, se confermato ufficialmente nella versione definitiva della legge di stabilità che ora approderà in Parlamento, rende finalmente giustizia a tutto il mondo della disabilità e premia ancora una volta la forte azione di tutela e difesa dei diritti dei cittadini disabili portata avanti dalla nostra Associazione.